QUESTIONE PETROLIO: L'ASS CUPPARO SMENTISCE I GIUDICI DEL TRIBUNALE DEL RIESAME DI POTENZA...

    IL FORZAITALIOTA, ASSESSORE REGIONALE ALLE ATTIVIT└ PRODUTTIVE, FRANCESCO CUPPARO, SOSTIENE CHE “LA QUESTIONE CENTRALE NON ╚ QUELLA DI CHIEDERE ALLE SOCIET└ PETROLIFERE DI FARE ALCUNE AZIONI SUL TERRITORIO QUANTO DI CONCORDARE INSIEME COSA FARE SUPERANDO LA TESI DI “DEMONIZZAZIONE”, CHE NON HA RISCONTRI OGGETTIVI, IN BASE ALLA QUALE SOLO PERCH╔ SONO “PETROLIERI” SONO NEMICI DEL NOSTRO TERRITORIO."

INSOMMA, L’ASSESSORE CUPPARO FINISCE CON LO SMENTIRE NON SOLO GIANNI LEGGIERI, SOPRATTUTTO, I GIUDICI DEL TRIBUNALE DEL RIESAME DI POTENZA CHE HANNO DEFINITO “PRATICHE INDUSTRIALI CRIMINALI” QUELLE REALIZZATE DA ENI A VIGGIANO. TANTO SI LEGGE NELLE MOTIVAZIONI DELL'ORDINANZA CON CUI A FINE MAGGIO IL RIESAME HA CONFERMATO GLI ARRESTI DOMICILIARI NEI CONFRONI DI RUGGERO GHELLER, EX RESPONSABILE DEL DISTRETTO MERIDIONALE DELL’ENI, CHE HA SEDE PROPRIO NELLA CAPITALE PETROLIFERA DELLA VAL D’AGRI, E L’EX “OPERATION MANAGER” DI STANZA IN BASILICATA, ANDREA PALMA. SECONDO IL TRIBUNALE DEL RIESAME, A VIGGIANO LA DIRIGENZA DELL'ENI HA IMPRONTATO “COSTANTEMENTE” LA GESTIONE DEL CENTRO OLIO ALLE “STRATEGIE AZIENDALI DI MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI, A FRONTE DEI QUALI IL DANNO ALL'AMBIENTE ERA PREVISTO, CONOSCIUTO E CONCRETAMENTE VOLUTO IN QUANTO ALTERNATIVA FATTUALE ALLA RIDUZIONE DEI VOLUMI DI PRODUZIONE”.

E, ANCORA, SI LEGGE NELL’ORDINANZA: “IL TOTALE DISPREZZO PER IL PUBBLICO INTERESSE ALLA SALUTE E ALL'INTEGRIT└ DELL'AMBIENTE, L'ADESIONE INCONDIZIONATA A LOGICHE AZIENDALI PERVERSE, CINICAMENTE ORIENTATE VERSO L'ACCUMULO DI PROFITTI AD OGNI COSTO, LA RICERCA DELL'APPROVAZIONE DEL PROPRIO OPERATO IN VISTA DI PROGRESSIONI DI CARRIERA, LA SOSTITUZIONE DEI DIPENDENTI “SCOMODI” COME IL GRIFFA, CONSIDERATO UNA SPINA NEL FIANCO O ADDIRITTURA UN ELEMENTO DI DISTURBO DEL REGOLARE SVOLGIMENTO DI PRATICHE INDUSTRIALI CRIMINALI”.

M5S Basilicata: Gianni Leggieri, Gianni Perrino, Gino Giorgetti




  info@nbnotizie.it
 
 
NBRadio - Testata Giornalistica di cui al Reg. Stampa Tribunale PZ n.03/09